The Code

Pubblicato il 23 Mar 2010 in Azione

Keith è un uomo anziano e determinato. Uccide infatti in apertura qualcuno in un bagno turco. Gabriel è un rapinatore esperto. I due si incrociano su un vagone della metropolitana di New York su cui Gabriel sta compiendo una rapina dai risvolti rocamboleschi. Keith lo contatterà proponendogli il furto di due uova Fabergé preziosissime proprio perché rimaste sconosciute ai più. Si trovano conservate in uno dei caveau più inaccessibili del mondo. L’operazione è quasi impossibile ma alle difficoltà si aggiunge l’attrazione di Gabriel nei confronti di Allexandra, figlia di un malavitoso russo ucciso ma senza che se ne sia ritrovato il cadavere.
Ci sono film che non riescono a trovare la via delle sale nonostante le star che ne garantiscono l’internazionalità (in questo caso Freeman e Banderas) e cast e una produzione che sono indubbiamente più all’altezza della situazione rispetto ad altre opere che vedono accendersi la luce dei proiettori. Perché qui gli ingredienti necessari ci sono tutti. A partire da un inizio con omicidio al bagno turco e rapina con fuga sui tetti dei vagoni della metropolitana. L’alleanza tra i due malviventi è narrata con tocco leggero non trascurando però di complicare la trama con la complessità dell’Impresa (alla Ocean) e di aggiungervi qualche rimando scherzoso ai classici del genere senza dimenticare il risvolto sentimentale e i colpi di scena. Ciò che forse manca è una struttura alla buddy/buddy (Freeman e Banderas recitano entrambi con aria sorniona quasi fossero due felini pronti a sfoderare gli artigli ma consapevoli che il copione non ne prevede la necessità). Resta comunque il piacere di un plot intricato quanto basta e di rivedere Rade Sebred….. che in Occidente imparammo a conoscere con Before the Rain e la cui barba incolta ha attraversato molto cinema (ivi compreso l’indimenticabile Eyes Wide Shut)…

 

 
Versione: DvdRip – Qualità V:10 – A:10

 

Streaming:
NowVideo

Download:
LikeUpload
RapidGator
Netload

  • carmen

    bello, con bei colpi di scena, grazie