Resident Evil – Extinction

Pubblicato il 06 Set 2012 in Azione

Dopo l’apocalisse, l’estinzione. Il solito virus che trasforma gli esseri umani in zombi ha invaso la Terra rendendola un deserto malsano e infestato. I sopravvissuti vagano in carovane blindate alla costante ricerca di benzina. E nel paradosso cospirativo più assoluto, alla fine del mondo, della civiltà, restano saldi solo i satelliti spia della mega corporazione Umbrella.
Fortunatamente, allo script di Resident Evil: Extinction ha lavorato il navigato Paul W. S. Anderson. Con all’attivo capolavori quali il primo episodio della saga e Alien vs. Predator, Anderson si è ben guardato dall’evitare il trash, pur avendo l’idea illuminante di far culminare la lotta in una Las Vegas insabbiata, luogo chiave dell’immaginario. La capitale del deserto è l’ovvia metafora di un mondo occidentale condannato all’assuefazione consumistica. Se George Romero insegnava a vedere negli zombi i vuoti simulacri dei consumatori, le copie del ponte di Rialto e della Tour Eiffel sono puri simboli del consumo, monumenti svuotati di senso, zombi anch’essi, dei loro originali.
Ma è inutile soffermarsi sui dettagli, l’idea di base schiva abilmente la critica sociale per concentrarsi su Milla Jovovich in shorts contro centinaia di morti viventi. Per la cronaca, l’eroina si dà al macello con un fucile a pompa, un machete e due pistole. E nello spreco di combattimenti grandguignoleschi Extinction non nasconde un lato pseudo femminista, dove eroine poco vestite tengono testa alla cospirazione gestita da burocrati ingessati.
Ma non è tanto l’idea che si critica, in fondo onesta e senza pretese, quanto la sua messa in scena, fracassona e volgarmente violenta. Riesumato da una carriera ormai pressoché televisiva, il regista Russel Mulcahy (Highlander I e II), si ostina a girare ogni sequenza partendo da dettagli per poi svelare poco a poco l’ambiente circostante con prevedibili colpi di scena. Delle scene d’azione poi non si capisce un gran ché e l’estetica da videogame risulta subito ridondante e confusionaria. Australiano, Mulcahy tenta almeno il gioco citazionista: continui i rimandi a Mad Max e persino a Hitchcock in un attacco di uccelli infettati. Poco importa, Extinction è una sorta di divertissement per l’ammazza-zombi Milla Jovovich, personaggio pieno di charme, senza dubbio, che nel finale finisce per clonarsi cadendo nella stessa ossessione del nemico. Ma proprio come i cloni o come quei simulacri dei monumenti mondiali a Las Vegas, contemporaneamente remake, sequel e adattamento, Extinction non può che perdere nella ripetizione anche il suo senso originario…

 

Versione: DvdRip – Qualità V:10 – A:10
Streaming:

VideoPremium: Parte1Parte2

Download:
TurboBit: Parte1Parte2
RapidGator: Parte1Parte2

  • liapink

    grazie team

  • Franco

    non si sente l’audio nemmeno qui!
    forse è un problema di conversione di VideoPremium

  • Gabriele

    Cos’è? un film muto?