Le soldatesse

Pubblicato il 28 Giu 2013 in Drammatico

Le_soldatesse_1966Il film si svolge in Grecia nel 1941, durante l’occupazione fascista. Il tenente italiano Gaetano Martino, di stanza ad Atene, disgustato dallo spettacolo di miseria e morte che lo circonda, desidera andare altrove. Gli viene affidata la missione (che accetta controvoglia) di accompagnare alle rispettive sedi un gruppo di dodici prostitute destinate ai militari.
A guidare l’autocarro che trasporta le ragazze e che risale la penisola verso l’Albania è il maturo sergente Castagnoli, un toscano estroverso e simpatico. Martino considera questa missione degradante e offensiva della sua dignità di militare, ma durante il viaggio tra lui e le donne si crea a poco a poco un rapporto di solidarietà e di comprensione (molte di loro sono state costrette alla prostituzione dal bisogno e dagli stenti della guerra).
Tra loro spiccano Eftichia, una ragazza dal carattere forte e volitivo, animata da un odio feroce nei confronti del nemico e dal disgusto per le umiliazioni che deve subire per sopravvivere, l’italiana Ebe, cinica e disillusa, attaccata al denaro ma capace di gesti di grande generosità, Elenitza, dolce e mansueta, che cerca di vivere il dramma con allegra rassegnazione senza pensarci troppo, le due sorelle Toula e Panaiota.
Nell’attraversare zone ancora controllate dai partigiani, il convoglio viene fermato ad un posto di blocco e al gruppo si aggiunge il maggiore Alessi, che con il suo atteggiamento vile e con i suoi maldestri approcci con le donne si pone subito in conflitto con il tenente. Alessi si rivelerà un essere spietato e si macchia di azioni orribili per la ossessiva paura di morire.
Mentre il gruppo si assottiglia ogni volta che le ragazze giungono alla loro destinazione, si sviluppano stretti legami tra gli italiani e le ragazze: Castagnoli si innamora di Ebe, mentre il protagonista è innamorato di Eftichia ma fa l’amore con Elenitza.
Dopo aver “consegnato” alcune delle ragazze, il gruppo viene sorpreso dai colpi di mitragliatrice dei partigiani che riescono a rovesciare e incendiare il camion. La guerra irrompe brutalmente sullo scenario: il gruppo vede un gruppo di camicie nere trucidate dai partigiani e insieme a loro giace anche il cadavere di una delle ragazze, consegnata poco prima ai fascisti. Castagnoli è colpito alla schiena e Elenitza resta gravemente ferita. Alessi, sconvolto dagli eventi, la uccide con un “colpo di grazia” alla testa perché non possa intralciare il proseguimento del viaggio. Questo gesto suscita la profonda riprovazione del tenente che a poco a poco prende coscienza dell’orrenda realtà della guerra e minaccia con la baionetta Alessi quando questi tenta di abbandonare il gruppo e di fuggire per proprio conto.
Dopo una interminabile marcia notturna, il gruppo riesce a raggiungere un presidio dell’esercito italiano proprio mentre le camicie nere stanno devastando un villaggio per rappresaglia. Poco dopo i superstiti assistono a una azione delle camicie nere, a cui si aggrega Alessi, che distruggono per rappresaglia un paese e fucilano alcuni patrioti greci catturati. Con l’arrivo alla destinazione, Eftichia non sopporterà il primo contatto con le truppe e ha un ultimo colloquio con Martino, a cui confessa il suo amore, che però davanti alla tragicità degli eventi non può durare: i due ragazzi ormai sono irrimediabilmente divisi da un solco di incomunicabilità e odio. Dopo una notte d’amore i due si separano ed Eftichia decide di risalire le montagne e unirsi ai partigiani. Il tenente Martino rimarrà solo, senza la pace interiore e consapevole delle divisioni arrecate dalla guerra.

Versione: DVDRip – Qualità: A.10 – V.10