Focaccia Blues

Pubblicato il 03 Feb 2014 in Commedia
Filmato SD
Trailer

imm (23)Attorno alla vera storia della “focaccia che si mangiò l’hamburger”, ovvero l’impresa di un forno di Altamura che nel 2002 fece chiudere un McDonald’s a suon di pizza, pane e focacce, lievitano tante vicende parallele. In costante disequilibrio tra finzione e realtà, assistiamo al resoconto delle tante anime altamurane protagoniste e testimoni della vicenda, al viaggio in America del giornalista Onofrio Pepe, intento ad esportare la focaccia pugliese nella culla del fast food, alla fiaba romantica di un fruttivendolo innamorato e della bella del paese sedotta da uno straniero alla guida di una sgargiante Corvette gialla. All’interno di queste cornici si innestano vari siparietti comico-nostalgici animati da Renzo Arbore e Lino Banfi o da ospiti d’eccezione come Nichi Vendola e Michele Placido.
Al secondo blues della sua carriera (dopo Albània Blues), il regista Nico Cirasola adatta il mood nostalgico e “sudista” dei canti dei neri d’America ad un conviviale contrappunto tra fantasia e documentario. I vari percorsi narrativi del film sono infatti altrettante gradazioni tra il vero e il falso: in mezzo al rigoroso stile documentaristico delle testimonianze degli altamurani (questori e carabinieri compresi) e all’operetta morale che ci accompagna al ritmo di tarantella in una Murgia a tinte forti, stanno infatti la surreale impresa “più vera della finzione” di Onofrio Pepe fra i fast food di New York e l’università dell’hamburger di Chicago, e le schermaglie comiche “più false della realtà” di Banfi e Arbore nella parte di loro stessi.
Richiamando alla mente, sempre con un prospettiva umoristica, sia i “profils paysans” di Raymond Depardon che la “realtà fantasticata” di Sergio Citti, e lavorando molto di improvvisazione e spontaneità, Cirasola riesce così a costruire un’opera sfaccettata, eterogenea e aritmica nell’intreccio, eppure straordinariamente genuina e omogenea nella forma. Anche da un punto di vista estetico, sfruttando un’interessante combinazione di formato digitale in alta definizione con ottiche da cinepresa 35mm, Focaccia Blues è un tentativo di amalgamare discorsi apparentemente oppositivi. Non c’è solo la focaccia che si mangia l’hamburger o il documentario che invade la finzione, ma anche il locale che soppianta il globale e la tradizione che vince sull’omologazione, in un trionfo di concetti nati da parole che si mangiano l’una con l’altra, o meglio, che scivolano l’una sull’altra (“glocalizzazione”, “slow food” “docu-fiction”).
Nel tentativo di essere opera sincretica e “antifonale”, il film di Cirasola probabilmente manca di un’ottica realmente global e in alcuni momenti il suo elogio della tradizione e della semplicità tende quasi al lirismo arcadico. Eppure, soprattutto come docu-fiction, genere ancora altamente sperimentale soprattutto nel nostro paese, l’impasto di Cirasola è un composto di vari ingredienti gustoso e assolutamente non indigesto, semplice nell’ideologia ma tutt’altro che pedestre nel linguaggio. Fonte Trama

Versione: DVDRip
Streaming:
Nowvideo
Speedvideo
Videopremium

Download:
Rapidgator
Nowdownload: Parte1 Parte2
Tusfiles: Parte1 Parte2
Backin: Parte1 Parte2